Home Ricette di cucina Pittule salentine: la ricetta originale

Pittule salentine: la ricetta originale

Pittule_salentine_la_ricetta_originale
Condividi:
olio-extravergine-oliva-bottiglia-da-0.75
vino-pugliese-rosso-nigro
vino-pugliese-rosso-negramaro
vino-pugliese-negramaro-rosato
vino-pugliese-chardonnay-bianco

Selezionati per te per farti riscoprire le antiche origini dell’olio d’oliva e del vino del salento!

Chi non conosce le pittule salentine? Anche note come “pettole”, queste piccole sfere di pastella fritta sono uno dei più noti antenati del finger-food. 
Le pittule salentine vengono preparate e consumate tutto l’anno ma c’è un periodo dell’anno in cui raggiungono l’apoteosi della celebrità sulle tavole pugliesi: il Natale.

La qualità speciale delle pittule? Piacciono davvero a tutti e, proprio per questo, sono sempre le benvenute a tavola servite come antipasto a braccetto con un buon vino rosso.

Vi proponiamo la ricetta originale e due varianti facilissime da realizzare: vediamo come prepararle insieme.

Preparazione_Pittule_ricetta_originale

Ingredienti:

  • 500 g di farina (400 di farina 0 e 100 di semola)
  • 500 ml di acqua
  • 1/2 lievito di birra
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • Sale un cucchiaino raso
  • 1,5 lt di Olio di semi di girasole (per friggere)
  • Cime di rapa (facoltativo)
  • Pomodorini, olive, cipolla (facoltativo)

Preparazione:

  • In un recipiente versa tutta la farina e, dopo aver sciolto il lievito nell’acqua tiepida, versalo a poco a poco iniziando a mescolare con le mani.
  • Dopo 7/8 minuti di impasto, aggiungi il sale e continua ad impastare per altri 3/4 minuti. Il composto deve risultare molto morbido e senza grumi.
  • Lascia lievitare l’impasto nel forno con la lucina accesa per almeno 3 ore.
  • Riscalda 1,5 litri di olio di semi di girasole alla giusta temperatura per la frittura. Per controllare la temperatura dell’olio utilizza uno stuzzicadenti: immergilo e quando vedrai intorno delle bollicine, la temperatura sarà quella corretta.
  • Per ottenere delle pittule di forma perfetta, le nonne utilizzavano le mani e così abbiamo fatto anche per la nostra preparazione. Prendi un po’ impasto in una mano avendo cura di bagnarla spesso, con l’aiuto di un cucchiaio (anch’esso bagnato) crea piccole palline e versale nell’olio da una distanza ravvicinata per conservarne la forma.
  • Friggi fino a dorarle perfettamente, cospargi sopra un po’ di sale e servile calde per gustarle alla perfezione.

Puoi anche realizzare impasti diversi semplicemente aggiungendo al composto principale verdura o pomodorini accuratamente stufati. Noi abbiamo utilizzato le classiche cime di rapa (ben tagliate e ridotte in minuscoli pezzettini) e pomodorini con olive tagliuzzati e soffritti con cipolla per le pittule alla pizzaiola.

Adesso non vi resta che provare… mani in pasta e buona frittura dai vostri “Pittulari”!

Riepilogo
recipe image
Titolo
Pittule salentine: la ricetta originale
Autore
Pubblicato
Preparazione
Cottura
Tempo totale
Recensione
51star1star1star1star1star Based on 1 Review(s)
Condividi:

Scopri i prodotti coltivati con amore e passione nella nostra terra.

Scelti per esaltare la creatività dei tuoi piatti; i nostri vini sono tutelati dal marchio IGP, coltivati nei vigneti della terra del Salento.
Bianco, Rosso o Rosato ce n’è per tutti i gusti!

La degustazione è a portata di click: scegli la box che fa per te

L’eccellenza dell’olio extravergine d’oliva racchiusa in una bottiglia: provalo sulle le tue insalate e verdure alla griglia renderà i tuoi piatti gustosi e genuini.

Un prodotto coltivato esclusivamente negli uliveti del Salento con la cura che avevano i nostri nonni!

Potrebbe interessarti