Home Ricette di cucina Ricetta crêpes dolci e salate

Ricetta crêpes dolci e salate

Crepes farcite con confettura di frutti di bosco
Condividi:
olio-extravergine-oliva-bottiglia-da-0.75
vino-pugliese-rosso-nigro
vino-pugliese-rosso-negramaro
vino-pugliese-negramaro-rosato
vino-pugliese-chardonnay-bianco

Selezionati per te per farti riscoprire le antiche origini dell’olio d’oliva e del vino del salento!

Per deliziare il palato degli amanti del dolce ed anche quelli del salato, c’è una ricetta che tutti possono realizzare facilmente in poco tempo: sto parlando delle crêpes. 

La preparazione vera e propria dell’impasto richiede all’incirca 5 minuti ed è possibile realizzare questa ricetta senza l’uso di zucchero o sale per rendere le crêpes utilizzabili sia insieme ad una confettura o ad una crema dolce, sia per una merenda o un primo piatto salati da farcire, ad esempio, con affettati e formaggi.

Con questa ricetta basilare ho tirato fuori due preparazioni: una dolce, con farcitura di marmellata di frutti di bosco, ed una salata che ho farcito con cime di rapa, mozzarella e zucchine. 
 
Vediamo nel dettaglio come realizzare delle crêpes dolci e salate, squisite ed estremamente versatili:
Preparazione crepes dolci e salate

Ingredienti per 8/10 crêpes:

  • 3 uova
  • 500 ml di latte (nella mia preparazione ho utilizzato quello senza lattosio)
  • 250 gr di farina 00 (oppure 200 gr di farina 00 e 50 di integrale)
  • Olio o burro q.b. per ungere la padella

Come preparare le crêpes:

  1. In una ciotola capiente metti le uova ed usando una frusta sbattile fino ad amalgamare tuorli e albumi.
  2. Aggiungi gradualmente il latte continuando a mescolare con la frusta fino ad incorporarlo completamente.
  3. Aggiungi con l’aiuto di un setaccio (importantissimo per evitare la formazione di antipatici grumi) a poco a poco la farina continuando a mescolare con la frusta. Una volta aggiunta tutta la farina lascia riposare l’impasto in frigo per 30 minuti.
  4. Trascorso il tempo di riposo passiamo alla preparazione delle crêpes: come primo step è necessario riscaldare bene una padella antiaderente del diametro di circa 20/22 cm ed ungerla con una piccolissima quantità di olio o burro. La scelta tra olio e burro non ha un grosso impatto sul risultato finale; io ho scelto di utilizzare l’olio per mantenere il sapore un po’ più neutro. NB: rimuovi l’olio o il burro in eccesso con l’aiuto di un foglio di carta da cucina lasciando giusto una patina che permetta alle crêpes di non attaccarsi e di cuocere uniformemente.
  5. Versa un mestolo (abbastanza capiente) di impasto all’interno della padella e spargilo accuratamente coprendo l’intera superficie. Trucchetto: se non avete l’apposito strumento che si utilizza per stendere l’impasto liquido in queste occasioni, fate roteare velocemente la padella per diffondere uniformemente l’impasto…il risultato sarà splendido comunque.
  6. Se la prima crêpes che avete ottenuto vi sembra un po’ unta, niente paura: la prima, come si dice, è quella di “prova”. Andando avanti nella preparazione della parte restante delle crêpes verranno una più bella dell’altra.
  7. Una volta cotte tutte le vostre crêpes, farcitele a vostro gusto ripassandole in padella qualora si fossero raffreddate.

E voilà…le crêpes sono pronte per essere gustate. Per una volta, con una sola ricetta, abbiamo messo d’accordo proprio tutti.
Buon appetito!

Riepilogo
recipe image
Titolo
Ricetta crêpes dolci e salate
Autore
Pubblicato
Preparazione
Cottura
Tempo totale
Recensione
21star1stargraygraygray Based on 2 Review(s)
Condividi:

Scopri i prodotti coltivati con amore e passione nella nostra terra.

Scelti per esaltare la creatività dei tuoi piatti; i nostri vini sono tutelati dal marchio IGP, coltivati nei vigneti della terra del Salento.
Bianco, Rosso o Rosato ce n’è per tutti i gusti!

La degustazione è a portata di click: scegli la box che fa per te

L’eccellenza dell’olio extravergine d’oliva racchiusa in una bottiglia: provalo sulle le tue insalate e verdure alla griglia renderà i tuoi piatti gustosi e genuini.

Un prodotto coltivato esclusivamente negli uliveti del Salento con la cura che avevano i nostri nonni!

Potrebbe interessarti